Vi spiego le cose ovvie...datemi solo il tempo di capirle

martedì 15 aprile 2008

Elezioni



Non mi piace parlare di politica ma oggi dove mi volto trovo post di depressi dal risultato( ampiamente prevedibile )delle elezioni politiche ultime scorse.Allora mi viene spontaneo chiedermi come mai queste persone in primo luogo abbiano così poca considerazione per le scelte fatte in fondo anche da loro stessi.La democrazia va bene forse solo fino a quando la maggioranza delle persone la pensa come noi? Evidentemente si.
Forse io sono cinico ma non ho mai pensato che il denaro e il potere che dal denaro deriva siano un handicap e non ho mai creduto che tra le persone armate di buoni propositi e le multinazionali le prime abbiano molte possibilità di vittoria.Non dimentichiamoci poi che il precariato e i co.co.co e co.co pro. sono stati introdotti dalla Legge Biagi durante il governo di centrosinistra.Il suo estensore purtroppo è stato brutalmente ucciso:vogliamo dire allora che i primi a comprendere la portata di quella legge sono stati i terroristi che hanno provveduto nell’unica sciagurata maniera che conoscono?
Questa legge,a ben vedere,è frutto in buona parte di una miopia generale,in primo luogo dei sindacati:nessuna azienda può permettersi di avere personale inamovibile e ad alto costo mentre in Asia manodopera praticamente a costo zero sforna prodotti logicamente competitivi.Le multinazionali non soccombono alle condizioni avverse del mercato,semplicemente si limitano a ribaltarle sui lavoratori e chiudono i bilanci con utili di miliardi ( dollari o euro fa lo stesso ).
Non intendo dire che questa sia una situazione ottimale,ma è la situazione reale e per cambiarla sarà forse necessario mutare il concetto stesso di lavoro e di posto di lavoro.I sogni sono esercizi bellissimi e poetici a volte,peccato che molte volte risultino sterili se non addirittura dannosi.

9 commenti:

RazzaCorta ha detto...

roby, ma tu lo sai che un giovane, oggi, non ha diritto di sognare? di sognare di andare in pensione e riscuoterla una pensione? sognare di avere un contratto che non gli scada, nella migliore delle ipotesi, ogni anno, e che non gli dà diritto praticamente a niente? sognare di avere una casa, perchè, a meno di non essere benestante, se a 35 anni ancora lavori secondo queste regole, al max ti puoi permettere un mutuo trentennale, che nei prossimi 30 anni ti farà condurre una vita di merda? io non so quanti anni hai, che titoli hai e che tipo di lavoro fai. per cui non so quanto tutto ciò ti tocchi. nella "beata gioventù" (come l'hai chiamata tu) dei mie 27 anni, accetto che il concetto di lavoro cambi. ma che evolva, non involva. e credimi, pensare che probabilmente non avrò soldi e modo di sposarmi e metter su famiglia per i prossimi 10 anni, non ha nulla di bello, nè di poetico. piuttosto è un incubo.

PS: scusa la prolissità. ho scritto tutto senza alcuna vena polemica.

Lanza ha detto...

Ed io ti rispondo allo stesso modo,senza fare polemica perchè mi sembrerebbe assurdo:tu hai perfettamente ragione ma sinceramente credo che legare queste preoccupazioni ad un risultato elettorale sia forse un pò fuori luogo.
In altre parole non credo che se avesse vinto chiunque altro avrebbe avuto l’occasione di cambiare la situazione proprio perchè si tratta di un problema strutturale e non solo italiano.Ora,dopo i conigli dal cilindro di ogni campagna elettorale che si rispetti,staremo a vedere che misure si prenderanno.Il problema a mio avviso non si riduce al precariato perchè se hai un lavoro fisso ma malpagato ecco che ricadi nello scenario che hai prospettato tu.E paradossalmente,quando nel tuo post parlavi di Gratta&Vinci o di Grande Fratello o di matrimonio miliardario avevi ragione:quando la tranquillità economica diventa un miraggio le persone iniziano ad avere fede solo nella famosa”botta di culo”.Con tutta la mia simpatia,come al solito,ed un grosso in bocca al lupo.E speriamo che crepi (il lupo).

RazzaCorta ha detto...

forse non hai capito che io lego le mie preoccupazioni al risultato elettorale, perchè, e probabilmente qualcuno mi riderà in faccia, o alle spalle (che è peggio), io ci ho creduto nel governo Prodi ed in quello che ha tentato di fare e costruire. tutto qua. non sono una delusa della sinistra in toto, ma di quella parte che ieri ha avuto quel che s'è meritata.

Lanza ha detto...

Nessuna risata,massimo rispetto ma consentimi una considerazione:la sinistra radicale molto probabilmente deve questa Waterloo elettorale al fatto di avere fatto parte e contribuito a tenere in vita governi di centrosinistra che,legge Biagi a parte,su questi temi che pure le appartengono non ha fatto assolutamente nulla.E chi la votava ha perso fiducia e ha votato per Veltroni o per la Lega,non credi?

RazzaCorta ha detto...

Non ha tenuto in vita gli ultimi governi di centrosinistra. Tutt'altro. E' stata l'artefice dei loro suicidi, per una spiccata incapacità di saper scendere a compromessi, che è una dote che, a mio parere, dovrebbe essere una delle prime di ogni politico che voglia definirsi tale, e non filosofo e basta. E Veltroni ha fatto una scelta coraggiosa, sapendo di non avere i numeri, ma rinunciando piuttosto a raggiungere poltrone di potere, che sarebbero potute saltare in aria ad ogni luna storta di qualcuno della sinistra "radicale". Quanto meno ha dimostrato a se stesso e a gli altri che la storia qualcosa ci insegna.

Lanza ha detto...

Condivido la prima parte dell'analisi.Per il resto rifiutare alleanze con soggetti politicamente affini preferendo andare incontro ad una molto probabile sconfitta mi sembra discutibile come scelta.Ma ormai i giochi sono fatti,non ci resta che sperare che questo governo faccia bene e che l'opposizione sia costruttiva.Un saluto

Anonimo ha detto...

Che dire? Ogni paese ha quello che si merita. Rimanere nella "bambagia" (in ogni senso) non fa crescere. Nè in poltrona, nè sul posto di lavoro.
Oggi non son tanto in vena, scusa Robi... ma il bacio te lo do lo stesso... 'notte.
Glò

Lanza ha detto...

Buonanotte Glò..

Anonimo ha detto...

"i co.co.co e co.co pro. sono stati introdotti dalla Legge Biagi durante il governo di centrosinistra."

Ne sei proprio sicuro? O_o

I co.co.co sono stati introdotti dal governo Prodi del '96 mentre i co.co.pro. sono della legge Biagi del governo di centro destra

 
Clicky Web Analytics