Vi spiego le cose ovvie...datemi solo il tempo di capirle

martedì 26 febbraio 2008

Solo vita

Questa sera mi sono messo a leggere i blog che trovavo in giro.Poi leggendo i commenti dei post mi trovavo a leggere altri blog a così via.Ora capisco perchè si aprono i blog:bisogna avere qualcosa da dire,bisogna avere il coraggio di aprirsi,di raccontare i fatti propri in questa piazza dove si troveranno sempre persone pronte ad incoraggiare, a comprendere,ad invitarti a visitare il loro blog.In questo modo si tesse una tela di relazioni a vario livello anche se dubito che la cosa possa uscire da un certo tipo di autoreferenzialità.Io forse sono troppo cinico o troppo timido o troppo terra-terra,tutto ciò che mi accade non mi pare degno di nota e se è fondamentale essere spontanei,essere sè stessi ebbene io lo sono.Stralunato,disincantato,chiuso nella mia corazza continuo a pensare che in fondo tutto ciò che mi accade non è che la ripetizione di cose accadute un milione di volte a un milione di persone diverse quindi non è il caso di ricamarci troppo sopra.In fondo è solo vita che scorre.

3 commenti:

Laura ha detto...

E allora perchè alzarsi al mattino se tutto è uguale? Forse le cose sono uguali solo in superficie e forse le cose cambiano a seconda di come noi le riusciamo ad interpretare, vedere e VIVERE. Io sarei felice di ritrovarti dalle mie parti ma per un "caffè" e quattro chiacchere, se pensi che sia un modo x autoreferenziarmi non lo fare. Il cinismo non ingrassa, non migliora ma fa sopravvivere lo so bene, ma non è VIVERE è appunto SOPRAVVIVERE. Baci cinico, stralunato, disincatato, chiuso nella tua corazza (sally diceva "troppo strutturata e chiusa in una torre d'avorio)

Lanza ha detto...

sally?

Anonimo ha detto...

Penso che si possa aprire un blog per mille motivi: solitudine, presunzione, ego espanso, narcisismo,timidezza, tristezza, voglia di confrontarsi, avendo o non avendo qualcosa di interessante da dire. Niente di male. Poi sì, certamente, si vanno ricreando nel mondo virtuale gli stessi meccanismi della vita vera, e si cercano agganci e punti di riferimento, simpatie, amici. Ma, come nelle vita vera, si può scegliere di dire no, di fregarsene e di proseguire da soli. Personalmente non mi interessa tessere una rete di clienti che dicano sì ad ogni cavolata che scrivo, ma non mi dispiace neanche avere dei buoni interlocutori con i quali essere in sintonia e confrontarmi. Per quello che riguarda te, non mi sembra proprio che tu non abbia niente da dire... molte più immagini che parole, ma anche quelle...parlano, parlano di te.
Un saluto, Linda.

 
Clicky Web Analytics