Vi spiego le cose ovvie...datemi solo il tempo di capirle

martedì 13 aprile 2010

I'm bored




Per me è spesso problematico parlare della mia vita,credo che sia facile da capire leggendo qualcuno dei miei post..Sono un asociale,fermamente convinto che i rapporti con altre persone vadano maneggiati con molta cura .I miei (pochi) amici si ricordano tutti il pensiero che hanno avuto la prima volta che mi hanno visto:”Ma questo stronzo chi si crede di essere?”.Sono urticante e me ne rendo conto,sono simpatico come un gatto attaccato agli zebedei.
Del resto sono sempre stato circondato di persone che non vedevano l'ora di darmi ragione. Sono trent'anni che non so che sia il trillo della sveglia e che faccio sistematicamente tutto quello che mi diverte.Non trascorro mai meno di tre mesi all'anno all'estero,affetti e responsabilità li ho persi volentieri per la strada,l'amore lo considero alla stregua di una stampella mentale. Ciò che dovrebbe muovere sole e stelle troppo spesso finisce per diventare qualcosa di meschino,dove si consumano miserevoli vendette e stupide gelosie.L'autonomia sentimentale è il primo granello per iniziare a costruire una vita sulla sabbia:splendidamente vuota ed inutile, che si rimira volentieri mentre passeggia sull'Avenida Atlantica in maglietta e sguardo a fuoco sull'infinito. Una vita che fruga dentro di sè per trovare un briciolo di rimpianto o un barlume di rimorso, inutilmente.

15 commenti:

enrica ha detto...

Caro Roberto,
a leggerti sembri soddisfatto di come hai impostato la tua vita. In fondo penso che questa sia l'unica cosa che conta.
La mia è stata un'esperienza differente. Ho scelto di vivere controcorrente, ho inseguito ideali spesso non condivisi ed ho ricevuto la mia dose di critiche dai "benpensanti". Ho avuto la fortuna di innamorarmi e di ricevere amore disinteressato che dura ancora dopo molti anni.
E' un'esperienza che vorrei chiunque facesse.
Adoro le emozioni che sono per me l'unico sintomo che sono viva ma so che per provare una gioia intensa occorre essere disposti ad esporsi al dolore.
Ma so che non è così per tutti. Anzi. Penso che la maggior parte delle persone "mature", o della mia età, vivano la vita in modo diametralmente opposto alla mia... ma non si può essere tutti uguali.

enne ha detto...

Pensavo avessi chiuso, caspita.
Sostanzialmente sono d'accordo con Enrica, anche se la mia vita sentimentale, come sai, è stata un disastro.
Mi chiedo se sia l'uomo a plasmare le circostanze o se siano queste ultime a condizionarlo.
Se avessi avuto esperienze come le tue non so se sarei diventata come te.
Di certo l'autonomia sentimentale, per me, sarebbe un bel punto di arrivo. Ma solo per proteggermi dalle sofferenze.
Insomma, se sei contento così buon per te, anche se un'idea continua a ronzarmi in testa come una zanzara: e cioè che tu, in fondo, avresti voluto altro.

Lanza ha detto...

Probabilmente hai ragione,Enrica cara:la vita che per una persona è perfetta per un'altra può essere un incubo.Ti abbraccio e ti ringrazio per l'interessamento e per il supporto.

Ho solo avuto una crisi passeggera,Nico bella,magari ne parlarò meglio in un post(ma alla fine sono sempre le solite motivazioni).Se avrei voluto altro,magari una vita differente?Per ogni strada che seguiamo innumerevoli sono quelle che siamo costretti ad abbandonare,mi sono limitato ad essere spontaneo.Credo che la famiglia e l'infanzia in particolare condizionino pesantemente le nostre scelte future.

enne ha detto...

Purtroppo, e sottolineo purtroppo, su questo non ci piove.
E non sai quanto le tue parole, in questo periodo, mi arrivino dritte al cuore.
Magari te ne parlerò privatamente.
Notte.

Zelda ha detto...

disperdersi nella libertà della natura mi sembra un bel modo di vivere, non dispiacerebbe neanche a me.
Ciononostante , crtedo che purtroppo o per fortuna , abbiamo tutti bisogno delle stesse cose, che poi si esprimono in modo diverso a seconda delle esperienze passate, in questo son d'accordo con te.
Ma
non credo che tu sfugga a questa legge: mi sembri bisognoso di affetto, come tutti , d'altronde.
(E il titolo dice molto, eh)

Anonimo ha detto...

Non lo so, sarai pure asociale, stronzo, urticante e uno stitico sentimentale, ma ti ho sempre trovato simpatico, forse perché sei sincero e con un grande senso dell'umorismo... E m'hai detto niente?
Un bacio, Robi, così come sei,
Linda

Lanza ha detto...

Le cose ovvie,Nico bella,sono spesso vere e si ripetono nel tempo.

L'autonomia sentimentale consiste proprio nel bastare a sè stessi,Zelda cara,anche se a volte un pò di affetto non guasta.Ma di solito mi accontento di gratificarmi con beni materiali.

"Stitico sentimentale" credo mi rappresenti benissimo e mi ha fatto capottare dal ridere.Un bacio a te,cara Linda.

missminnie ha detto...

ola, ritrovata la via dei commenti..com'è laggiù sull'avenida? abbastanza infinito da bastare a contenere il tutto?
noi qui dal villaggio asterix continuiamo a fare le inutili cose di sempre, quelle che servono per far mangiare le figlie, servono per pagare le bollette della luce e il telefono...miserie umane :)
miserrime, come dice zaueberilla..
anche le stampelline sentimentali...ohhh...umane ehhh, quindi difficili da capire, ma deliziosamente sexy..pure quello riservato a noi umani..
stai bene roberto, divertiti, passeggia su e giu per l'avenida atlantica guardando il mare e il cielo..noi qui cerchiamo di sfangarla ...sapendo che non andremo mai a passeggiare su e giù per l'avenida atlantica e cercando di sopravvivere al solo pensiero ...un sorriso grande

Censorina ha detto...

Non mi piacciono questi tuoi ultimi post. Forse perchè sono molto lontani dal mio modo di vivere e di pensare. Hai ragione per quanto riguarda l' infanzia e la fanciullezza: sono determinanti nella nostra vita.
Scusa la mia franchezza. Ho trascorso la Pasqua in ospedale (vedi il mio post),non per una cosa grave, ma l' esperienza mi ha insegnato ad apprezzare la vita e a far tesoro del sacrificio che il viverla a volte comporta. A presto.

enne ha detto...

Anch'io sto tentando la carta della gratificazione con beni materiali, ma i miei, modesti, non potranno colmare un certo vuoto. E, a dire il vero, non potrebbero nemmeno se fossi una petroliera (non in senso nautico).
:)

Lanza ha detto...

La vita ha un milione di sfaccettature,deliziosa Minnie,l'importante credo sia cogliere quelle che ci sono necessarie tralasciando il resto.Tu vivi splendidamente,non ti ci vedrei nei miei panni.Il mio non è un vagabondare letterario e colto bensi un vagare da ignorante,cercando qualcosa che ancora non ho visto.

Ti ringrazio della franchezza, Paola cara:credo che se vivessimo tutti alla stessa maniera molti di noi non sarebbero soddisfatti.Mi spiace per il tuo malessere pasquale,spero che ora sia tutto a posto.

Nico bella non dirmelo:scarpe, scarpe e ancora scarpe.Ho indovinato?:)

missminnie ha detto...

non potremmo, dear mr L camminare sull'avenida, dunque..io che m'infilo in ogni museo delle bambole, in ogni chiesa anche sgarrupata, laddovè c'è un imbrattatele là c'è minnie..oppure distesa sulla spiaggia tipo balenottera spiaggiata a leggere l'ultimo romanzo, di cui, ovviamente, m'innamoro al primo capoverso..perchè ci s'innamora sempre dell'ultimo, n'est pas?
spero che tutto prosegua per il meglio...qui nel villaggio manteniamo la posizione, che è già qualcosa :)

Lanza ha detto...

Credimi sulla parola,Minnie carissima:per vivere senza impegni e senza orari,potendo fare tutto o niente ci vuole disciplina ed organizzazione.Un saluto.

Anonimo ha detto...

Sarà....ma a me il tuo post comunica un latente desiderio di qualcos'altro...hai usato due aggettivi che la dicono lunga ;-))
Audrey

p.s. Leggendo i vari blog sembra che virtualmente la gente sia tutta perfetta, nella realtà una massa di traditori, opportunisti ecc....hai notato questa cosa? :-)

Lanza ha detto...

Sei un'osservatrice molto attenta,Audrey cara.Quali aggettivi,a proposito?
Quella del poscritto è una verità acclarata,le persone si vedono migliori di come sono realmente, nella migliore delle ipotesi.Ciao.

 
Clicky Web Analytics